Mercoledì, 24 Febbraio 2016 18:56

<div>L'Isis dichiara guerra a Facebook e Twitter</div>

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

(ANSAmed) - NEW YORK, 25 FEB - L'Isis dichiara guerra allaSilicon Valley, prendendo di mira due delle società simbolo,Facebook e Twitter. In un video di 25 minuti, lo Stato islamicominaccia direttamente
Mark Zuckerberg e Jack Dorsey: "Presto ivostri nomi spariranno dopo che avremo cancellato i vostri sitie, Allah volendo, saprete che quello che stiamo dicendo è laverità". Le minacce a Zuckerberg e Dorsey arrivano propriomentre la Casa Bianca assolda la Silicon Valley, Hollywood el'industria pubblicitaria di Madison Avenue per combatterel'Isis sui social network e sui media. L'obiettivo è quello dimettere a punto una contro narrativa fatta di messaggi positivie di fermare la propaganda dell'Isis sul web. E mentre infuriala polemica fra le autorità americane e Apple sullo sbloccodell'iPhone del killer di San Bernardino.

Il video dal titolo 'Flames of the Supporters', pubblicatodal gruppo di hacker affiliato all'Isis che si fa chiamare 'Sonsof the Caliphate Army', punta il dito contro Zuckerberg e Dorseyper i loro tentativi di contrastare l'Isis online chiudendo gliaccount sospetti. Per Zuckerberg si tratta della prima minacciada parte dell'Isis che, in passato, aveva già preso di miraTwitter, nel 2014, minacciando di morte l'allora amministratoredelegato Dick Costolo. Lo scorso anno Dorsey è stato inveceaccusato dall'organizzazione di aver avviato una "guerra",facendo diventare i dipendenti della società che cinguetta un"bersaglio". "A Marc e Jack, fondatori di Twitter e Facebook, eal loro governo crociato. Annunciate quotidianamente di aversospeso molti account. A voi diciamo: è questo tutto quello chepotete fare. Non siete al nostro livello", recita uno deimessaggi riportati nel video, insieme a molti dati su accounthackerati. Il gruppo rivendica infatti di aver hackerato più di10.000 account Facebook, oltre 150 gruppi Facebook e più di5.000 account Twitter. "Molti di questi account sono statidistribuiti ai sostenitori e, se Allah lo consente, anche glialtri saranno distribuiti". Il video amatoriale include unfotomontaggio in cui i volti di Zuckerberg e Dorsey sono avvoltida fiamme e travolti da una pioggia di proiettili. Twitter negliultimi otto mesi ha sospeso più di 125.000 account legatiall'Isis. Ma allo stesso tempo ha avvertito che non c'è unaformula magica per identificare contenuti terroristici.

(ANSAmed).

Letto 430 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.