Lunedì, 22 Febbraio 2016 14:45

Brexit: la sfida di Cameron

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

(Foto: European Council)

A pochi giorni dall’accordo tra Regno Unito e Unione europea, i giochi sono tutt’altro che chiusi. Il Primo ministro britannico, David Cameron, ha a disposizione quattro mesi

per “vendere” questo accordo ai propri cittadini che sembrano non abbandonare il loro tradizionale euroscetticismo.
Intanto la partita politica interna al Regno Unito si fa complicata. I sondaggi registrano una larga fetta d’indecisi (circa il 15%) che di fatto potranno fare la differenza, mentre gli opposti schieramenti si preparano alla storica sfida referendaria. Se i laburisti, lib–dem e gli scozzesi sono a favore della permanenza nell’Ue, i tories sono divisi. Una loro risicata maggioranza è a favore della permanenza, mentre personalità di spicco, come il sindaco di Londra Boris Johnson, ne fanno anche una questione di sfida alla leadership di Cameron. Nel frattempo, 200 imprenditori hanno sottoscritto una lettera al Times per mettere in guardia sui rischi dell’uscita dall’Ue. La City teme l’impatto sull’economia britannica.
Questo dossier fa una prima valutaione delle conseguenze economiche e politiche di un eventuale Brexit, tocca i punti lasciati scoperti dall’accordo con Bruxelles ed esamina il dibattito interno al Regno Unito.

Letto 307 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.