Giovedì, 18 Febbraio 2016 14:00

Giudice ordina a Apple di decriptare l’iPhone. WhatsApp e Google con Cook

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Notizie Geopolitiche

Non è andata giù ad Apple la richiesta (in realtà un’ordinanza) del giudice federale Shari Pym di collaborare con l’Fbi per decriptare l’iPhone di Syed Rizwan, uno dei

due terroristi jihadisti dell’attentato di San Bernardino, in California, del 2 dicembre, costato la vita a 14 vittime persone.
L’ad. di Apple, Tim Cook, ha fatto sapere ieri il suo rifiuto, poiché verrebbe a crearsi un “precedente pericoloso”, per cui le autorità federali e gli hacker troverebbero accesso ad un prodotto pensato apposta per essere inaccessibile e conservare la privacy degli utenti.
“Quello che ci ha chiesto il giudice – ha affermato Cook – è qualcosa che semplicemente non abbiamo e che consideriamo troppo pericoloso creare”.
Tecnicamente il giudice ha chiesto alla Apple un sistema, da affidare alle autorità investigative, che permetta di tentare un numero infinito di password senza incorrere in blocchi.
Per l’ad. di Apple “Le implicazioni vanno oltre il caso legale in questione” e le autorità si troverebbero in mano una “chiave capace di aprire milioni di serrature”.
A dare manforte alla Apple sono intervenuti oggi Sundar Pichai, direttore esecutivo di Google, e l’ad. di WhatsApp, Jan Koum: per Pichai “Noi costruiamo prodotti sicuri e siamo disponibili a fornire le informazioni necessarie quando arrivano richieste legalmente giustificate, ma ciò non significa che sia giusta una richiesta che obblighi a violare i dispositivi”. Koum, ha commentato in post su Facebook che “Ho sempre ammirato Cook per la sua posizione in materia di privacy e per gli sforzi di Apple di proteggere i dati degli utenti. E non potrei essere più d’accordo con ciò che ha detto nella sua lettera agli utenti. Non dobbiamo permettere che venga instaurato questo pericoloso precedente, oggi sono in gioco la nostra libertà e la nostra autonomia”.

Letto 202 volte

3 commenti

  • Link al commento FlossieNenGF Martedì, 25 Luglio 2017 14:43 inviato da FlossieNenGF

    Revolutional update of SEO/SMM software "XRumer 16.0 + XEvil":
    captchas recognition of Google, Facebook, Bing, Hotmail, SolveMedia, Yandex,
    and more than 8400 another size-types of captcha,
    with highest precision (80..100%) and highest speed (100 img per second).
    You can connect XEvil 3.0 to all most popular SEO/SMM programms: XRumer, GSA SER, ZennoPoster, Srapebox, Senuke, and more than 100 of other software.

    Interested? You can find a lot of introducing videos about XEvil in YouTube.
    See you later!


    XRumer20170725

  • Link al commento ArlenemomIQ Sabato, 22 Luglio 2017 19:36 inviato da ArlenemomIQ

    Revolutional update of SEO/SMM software "XRumer 16.0 + XEvil 3.0":
    captcha solving of Google, Facebook, Bing, Hotmail, SolveMedia, Yandex,
    and more than 8400 another size-types of captchas,
    with highest precision (80..100%) and highest speed (100 img per second).
    You can connect XEvil 3.0 to all most popular SEO/SMM software: XRumer, GSA SER, ZennoPoster, Srapebox, Senuke, and more than 100 of other software.

    Interested? There are a lot of introducing videos about XEvil in YouTube.
    See you later ;)


    XRumer20170721

  • Link al commento ArlenemomIQ Venerdì, 21 Luglio 2017 23:39 inviato da ArlenemomIQ

    Absolutely NEW update of SEO/SMM software "XRumer 16.0 + XEvil 3.0":
    captchas solving of Google, Facebook, Bing, Hotmail, SolveMedia, Yandex,
    and more than 8400 another subtypes of captchas,
    with highest precision (80..100%) and highest speed (100 img per second).
    You can connect XEvil 3.0 to all most popular SEO/SMM programms: XRumer, GSA SER, ZennoPoster, Srapebox, Senuke, and more than 100 of other programms.

    Interested? There are a lot of introducing videos about XEvil in YouTube.
    See you later ;)


    XRumer20170721

Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.