Lunedì, 15 Febbraio 2016 10:11

<div>"Le nuove crepe della governance mondiale" - Rapporto ISPI 2016</div>

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il 2015 ha assistito a una nuova proliferazione di crepe materiali e simboliche, drammatizzata dalle nuove minacce terroristiche e simboleggiata, nella stessa Europa, dalla costruzione di muri e barriere ai confini

fra uno stato e l’altro.

Ma è l’intero ordine internazionale a essere sprofondato in quello che appare sempre di più come un circolo vizioso. Da un lato, il moltiplicarsi delle crepe politiche ed economiche mette ogni volta in luce l’inadeguatezza degli strumenti esistenti di governance.

Dall’altro lato, la mancanza o il ritardo delle risposte concertate approfondisce le crepe esistenti e rischia di crearne di nuove, come è già avvenuto di fronte alle crisi dell’ultimo anno.

Il Rapporto ISPI 2016, curato da Alessandro Colombo e Paolo Magri, si propone d’interpretare questa impasse, partendo dai fatti più recenti, ma cercando di cogliere le linee di tendenza più profonde che hanno condotto a questo esito.

La prima parte del volume è dedicata all’evoluzione complessiva dello scenario internazionale, tanto nella dimensione politica quanto in quella economica. Nella seconda parte, l’orizzonte si restringe sull’Italia che, nella crisi degli strumenti multilaterali di governance, rischia di smarrire il tradizionale ancoraggio della propria politica estera.

 

SCARICA IL RAPPORTO


Il volume sarà occasione di dibattito in 12 città italiane e, quest’anno, anche nelle principali capitali europee oltre New York. Di seguito il calendario completo degli appuntamenti.

 

Prossimi appuntamenti

 

Roma – 17 febbraio alle ore 18.00 (Associazione della Stampa estera in Italia, Via dell’Umiltà 83/C). 
Intervengono: Giancarlo Aragona, Franco Bruni, Pier Ferdinando Casini, Fabrizio Cicchitto e Paolo Magri.
Conclusioni del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Paolo Gentiloni. 

 

Bologna – 24 febbraio alle ore 18.00 (Nomisma – Sala Incontri, Palazzo Davia Bargellini)

Intervengono: Franco Bruni, Pier Ferdinando Casini, Andrea Goldstein e Davide Tabarelli

 

Parigi – 2 marzo alle ore 18.00 (Istituto Italiano di Cultura)

Madrid – 3 marzo alle ore 19.00 (Ambasciata d’Italia)

Brescia – 7 marzo alle ore 18.00 (Università degli Studi di Brescia)

Torino  9 marzo alle ore 12.00 (Università degli Studi di Torino) 

Palermo – 11 marzo alle ore 9.30 (Fondazione Sicilia, Villa Zito)

Napoli – 14 marzo alle ore 16.30 (IPE, Istituto per Ricerche ed Attività Educative)

New York – 20 marzo alle ore 16.00 (United Nations) 

Trieste – 31 marzo alle ore 18.00 (Palazzo Ferdinandeo) 

Pavia – 5 aprile alle ore 16.00 (Università degli Studi di Pavia) 

Piacenza – 6 aprile alle ore 18.00 (Università Cattolica del Sacro Cuore) 

Bruxelles – 6 aprile alle ore 18.00 (Istituto Italiano di Cultura) 

Bari – 20 aprile (Università degli Studi di Bari Aldo Moro) 

Lecce – 21 aprile (Università del Salento) 

 

Precedenti appuntamenti

 

Milano – 10 febbraio alle ore 18.00 (Palazzo Clerici – Via Clerici, 5). 
Sono intervenuti: Franco Bruni, Alessandro Colombo, Sergio Romano, Armando Sanguini e Ugo Tramballi.



Letto 195 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.