Lunedì, 08 Febbraio 2016 15:14

Tunisia: rete Ong Link 2007 lancia appello a sostegno Paese

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

(ANSAmed) - TUNISI, 9 FEB - Dopo le recenti proteste in nomedel diritto al lavoro e allo sviluppo che da Kasserine hannoattraversato tutto il paese, la rete di Ong 'Link 2007'
lanciaun appello al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, alleistituzioni italiane ed europee per un sostegno straordinarioalla Tunisia e al suo complesso processo democratico. In unalettera inviata al capo della Farnesina, Link 2007 propone che"l'Italia, il paese più vicino alla Tunisia, si faccia caricodell'iniziativa coinvolgendo l'Ue, i paesi membri, altri paesiinteressati e le istituzioni finanziarie e di sviluppointernazionali". La via che le Ong di 'Link 2007' propongono èquella della costituzione, in tempi rapidi, di uno specialeTrust Fund, un fondo fiduciario internazionale formato dacontributi della Commissione europea, degli Stati membri, ditutti i paesi interessati, delle istituzioni finanziarie e disviluppo europee e internazionali, comprese quelle arabe eislamiche, prendendo in considerazione la Tunisia insieme ai duepaesi confinanti, Libia e Algeria.

Per la sola Tunisia serviranno, secondo quanto si legge nellalettera di Link 2007, almeno 20 miliardi di euro all'anno per iprossimi cinque anni, da gestire 'fuori bilancio' sotto ilcontrollo internazionale e finalizzati ad investimenti capaci direstringere la forbice delle disuguaglianze che pesano inparticolare sulle regioni interne e le periferie urbanedegradate, di ridurre drasticamente la disoccupazione e diattrarre nuovi capitali e investitori esterni.

"Investire sulla Tunisia e i paesi limitrofi è investire sulnostro futuro di stabilità e di pace. Non farlo significadanneggiare noi stessi. Limitare gli aiuti o ritardarli potrebbeavere un costo di gran lunga superiore in un futuro ravvicinato,non solo finanziariamente ma anche in termini di conflitti, viteumane, distruzioni, consolidamento e diffusione del terrorismo,come la recente storia insegna. È dunque nel nostro interesse,italiano ed europeo, intervenire con investimenti adeguati erisoluti di cooperazione con la Tunisia", si legge nell'appello.

(ANSAmed)

Letto 250 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.