Domenica, 07 Febbraio 2016 11:12

Rabat, posta video di strada che va in pezzi: arrestato

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

(ANSAmed) - RABAT, 8 FEB - In un video postato su YouTubemostra come l'asfalto della strada appena rifatta si stacchi apezzi, a mani nude. È stato arrestato e non si sa
con qualeaccusa. Abderrahman, giovane abitante del comune di Jemaat Sehim,nella provincia settentrionale di Safi, ha denunciato lo statomediocre dei lavori appena realizzati sotto casa sua e nel brevefilmato chiede ai promotori del progetto e al sindaco diverificare da vicino, come ha fatto lui. Una denuncia immediatae semplice che nel giro di pochi giorni ha fatto il giro dellaRete con migliaia di like e di condivisioni su tutti i social.

Quanto basta per far scattare la denuncia sporta dal sindaco,che ha deciso di rivolgersi ai magistrati. Ora con gli hashtag in arabo 'ArrestateciTutti' e'SiamoTuttiAbderrahman' gli internauti si scatenano: piovonovideo che copiano quello del ragazzo finito dietro le sbarre.

Tutti seduti sul ciglio di strade marocchine a far finta diprendere sassi e pezzi di asfalto. Sono partiti quelli dellastessa circoscrizione, lungo la strada che passa sotto la casadi Aberraham e che prosegue per alcuni chilometri, poi però laprotesta si è allargata. Una scelta di immagini è riportata dall'Huffington post Marocche segnala come il ministro dei Trasporti si sia scrollato didosso il problema, dicendo che "la strada che appare nel video èstata realizzata dal comune, dunque il Ministero dei Trasportinon può aprire un'inchiesta, spetta invece al ministrodell'Interno e alla Corte regionale".

Poche e confuse, per il momento, le voci sulle accuse rivolteal ragazzo che sembra sia stato indagato per ingiuria eoltraggio contro il sindaco e che continua a restare in carcere.

Letto 243 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.