Venerdì, 05 Febbraio 2016 14:01

GERMANIA. Isis: tre arresti di algerini registrati come profughi siriani, stavano per colpire a Berlino

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Notizie Geopolitiche

L’Isis stava per colpire Berlino, più precisamente la centralissima e celebre Alexanderplar, ma probabilmente anche l’area del Checkpoint Charlie dell’era sovietica, molto frequentata dai turisti.
Lo hanno reso

noto alla Bild e al Tagesspiegel fonti investigative, che hanno riferito di tre arresti di sospettati i quali erano algerini registrati come profughi siriani. I tre erano parte di una cellula di cinque persone, individuati nel quadro di indagini che hanno interessato la capitale tedesca e le città di Hannover (Bassa Sassonia) e di Attendorn (Renania Nord Westfalia).
Dei tre fermati uno era ricercato in Algeria per i suoi legami con lo Stato Islamico e, come è stato riferito dal portavoce della polizia Stefan Redilich, “Le ricerche mostrano che era stato addestrato militarmente in Siria”.
Un’altra delle persone arrestate è una donna, mentre il terzo aveva documenti falsi ed è stato fermato nel quartiere berlinese di Kreuzberg.
Uno dei due uomini e la donna vivevano in un campo per rifugiati ad Attendorn, a 80 chilometri ad ovest di Colonia; altri due componenti la cellula sono stati denunciati a piede libero.
Le perquisizioni nelle varie città hanno impiegato 4.500 agenti delle forze dell’ordine ed hanno portato al sequestro di cellulari ed altro materiale utile alle indagini.
Come ha spiegato all’Afp il portavoce della Procura Martin Steltner, “ai sospettati è stata contestata la potenziale preparazione di un attacco a Berlino”.
Indiscrezioni indicano che uno degli arrestati avrebbe avuto contatti con i fondamentalisti belgi responsabili delle stragi di Parigi del 13 novembre.

Letto 221 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Powered by

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.

  Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.